Cos'è e a cosa serve la biostimolazione

Prevenire è meglio che combattere. Questa regola aurea si applica anche alla medicina estetica ed una delle metodiche emergenti è la biostimolazione che si pone l'obiettivo di contrastare l'invecchiamento cutaneo.

Il tempo, l'esposizione al sole ed agli agenti atmosferici, abitudini come il fumo ed uno stile di vita disordinato o stressante sono infatti responsabili di quella perdita di elasticità e di turgore della pelle che togliendole luminosità ne causano l'invecchiamento.

 
 

La biostimolazione arresta questo processo consentendo di recuperare e di mantenere una pelle giovane ed elastica mediante la somministrazione di quei costituenti fondamentali dei tessuti cutanei distrutti dai processi di usura e di invecchiamento che abbiamo citato.

 

Vengono effettuate mediante iniezioni riassorbibili che agiscono sia come riempitivo mediante la reidratazione dei tessuti sia fornendo aminoacidi e vitamine ai fibroblasti e nuovo acido ialuronico alla sostanza fondamentale del derma restituendo così' tonicità , turgore e luminosità alla pelle attraverso il ripristino della sua originaria elasticità.

 

Le sostanze utilizzate sono del tutto naturali e pertanto prive di effetti collaterali rilevanti.

 

Possono verificarsi edemi arrossamenti ed ematomi nei siti di iniezione che scompaiono in breve tempo. Le applicazioni sono ben tollerate ed effettuate con microiniezioni simili a quelle utilizzate in mesoterapia e vanno inizialmente effettuate ogni quindici giorni prolungando progressivamente gli intervalli tra le applicazioni in base ai risultati.

 

La biostimolazione può essere effettuata ovunque anche se viene più frequentemente applicata al viso, al collo,al decolletè ed alle mani. Possono essere effettuate anche in associazione ad altri trattamenti estetici ed anzi ne esaltano i risultati.