Filler

Il termine FILLER (dall'inglese: riempitivo) è comunemente usato per indicare trattamenti di medicina estetica finalizzati alla correzione di inestetismi quali rughe, depressioni ed avvallamenti cutanei nonché per ridare pienezza e turgore a labbra troppo sottili o agli zigomi.

 

Quale materiale si usa per i filler?

 

Tra tutti i vari materiali quello più' largamente utilizzato è l'acido ialuronico che,essendo presente in tutti i tessuti del corpo ed in particolare nella sostanza fondamentale del derma , è assolutamente naturale e non genera reazioni allergiche.

 
 

Si tratta di un glicosaminoglicano ,una molecola formata da lunghe catene di disaccaridi con una elevata affinità per l'acqua che quindi, oltre a "riempire" rughe e avvallamenti conferisce una elevata idratazione al derma donando elasticità e morbidezza. Abitudini come il fumo e l'esposizione solare associati all'avanzare dell'età riducono progressivamente il contenuto di acido ialuronico nel tessuto connettivo causando l'aspetto rugoso,disidratato e cadente alla pelle delle persone non più' giovani.

 

A cosa servono i filler?

 

L'invecchiamento è un fatto naturale ed inevitabile, tuttavia i suoi effetti più' evidenti come le rughe ,l' inaridimento della pelle ,labbra sottili e rugose ,zigomi cadenti possono essere trattati e l' acido ialuronico serve proprio a questo scopo.

 

Come si applicano i filler?

 

L'acido ialuronico usato in medicina estetica è confezionato in fiale iniettabili a diversa densità ed in base agli inestetismi da trattare viene iniettato in quantità e profondità adeguate. Poiché la preparazione del prodotto può essere fluida come acqua o densa come una gelatina viene usato sia nelle microrugosità superficiali della pelle sia per riempimenti assai rilevanti come nell' aumento volumetrico del seno,in sostituzione della mastoplastica additiva o nell'aumento di volume degli zigomi. Le iniezioni sono ben tollerate ,vengono effettuate in regime ambulatoriale dopo una preparazione mediante creme anestetiche da applicare nella zona da trattare qualche minuto prima e non richiedono medicazioni o particolari precauzioni nelle ore successive.

 

Effetti collaterali e complicanze

 

Essendo l'acido ialuronico un costituente naturale dei tessuti umani non sono note reazioni allergiche tuttavia possono comparire, come in tutti i siti ove si effettuano iniezioni, edemi o arrossamenti locali che scompaiono dopo qualche decina di minuti. Inoltre possono comparire ematomi locali che scompaiono dopo qualche giorno, dovuti all'inevitabile rischio di ledere un capillare con l'ago dell'iniezione. Qualora l'effetto ottenuto fosse troppo marcato o se il trattamento è stato effettuato in maniera scorretta si può' rimediare mediante l'inizione di ialuronidasi, l'enzima naturale responsabile del riassorbimento fisiologico dell' acido ialuronico.

 

Quanto dura l'effetto filler?

 

Come abbiamo detto l' acido ialuronico è un costituente naturale dei tessuti quindi come tale viene metabolizzato e quindi riassorbito. In base alla densità ed alla quantità del filler iniettato il riassorbimento, con la conseguente scomparsa dell'effetto desiderato, avviene dopo qualche mese o, come nel caso dell'aumento del seno o degli zigomi con preparazioni particolarmente dense, dopo quasi due anni.